Flash Feed Scroll Reader

Gravina ordina: sabato si gioca, ma linea molto dura!

ROME, ITALY – OCTOBER 30: PHOTO TEST The President Gabriele Gravina attends a press conference after the Italian Football Federation (FIGC) federal council meeting on October 30, 2018 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il campionato di calcio non si fermerà nel senso che non ci sarà quella pausa di riflessione paventata dopo tutto quello che è accaduto a Milano, ma che le squadre andranno regolarmente in campo mentre le istituzioni del calcio penseranno ai provvedimenti e a nuove norme da assumere ed a come farle rispettare. In questi termini più o meno l’intervento del presidente della Federcalcio Gabriele Gravina: “Sabato si giocherà regolarmente. Il campionato non si ferma, è anche una risposta a chi pensa che, attraverso alcuni atteggiamenti come quelli visti ieri, possano contaminare il nostro mondo. Ho sentito un po’ tutti, Sibilla e Miccichè, soprattutto la lega interessata, i sottosegretari, per le loro visioni e riflessioni. All’unanimità abbiamo condiviso che si va avanti. Tutti devono capire che esiste una sola figura che ha la responsabilità, il presidente federale Gravina. Da oggi in poi assumeremo una posizione di responsabilità e la federazione deve parlare con una sola lingua, quella del suo presidente federale. La linea deve essere molto dura, ma invito tutti ad una riflessione. Tutto ciò che riguarda alcune sanzioni sportive spettano al giudice sportivo. Il questore è preposto a garantire l’ordine pubblico, serve fermezza ma bisogna distinguere ciò che è accaduto fuori dall’evento, con infiltrazioni da Varese e Nizza, e quello dentro al campo. Io mi devo preoccupare dei cori per Koulibaly. Non possiamo fare molto di più, la norma è chiara: il ministero nomina garanti dell’ordine pubblico che possono sospendere le gare, l’arbitro non può sospenderle. Bisogna capire se ci sono possibilità per una norma più semplice da applicare. Ci sarà un incontro per facilitare questa norma. L’art. 72.6 dice che l’unico soggetto che può sospendere la gara è il responsabile della sicurezza. Sospendere una gara come ieri, con tutto ciò accaduto prima, immaginate cosa poteva capitare. E tutti dobbiamo evitare certi toni, stare sereni e tranquilli. L’arbitro ha applicato perfettamente le regole del giorno e qualche dichiarazione dei giorni precedenti non ha aiutato forse il clima. Mi riferisco anche a presidenti e dirigenti”, il discorso riguarda  De Laurentiis intervenuto qualche giorno riferendosi a qualche precedente bravata di Mazzoleni. Sinceramente però sembra davvero assurdo chiamare in causa il presidente del Napoli, vista l’ampiezza degli episodi a tutti i livelli che hanno caratterizzato la gara prima, durante e dopo la gara fuori dal campo e all’interno di San Siro. Tutto chiaro invece se una squadra lascerà il campo. Gravina conclude così: “Violerebbe le norme, il risultato sarebbe negativo per loro come da procedura”. Nessun dubbio: partita persa.